Mastercard lancia il “selfie pay” in Europa – Identity Check Mobile
26 novembre 2016
Trojan Banker – Attacco malware agli smartphone Android
28 novembre 2016
Mostra tutti

Come proteggere i nostri bambini da internet

Come proteggere i nostri bambini da internet

Internet può essere pericoloso per i bambini, per questo li proteggiamo dai pericoli digitali e li aiutiamo a evitare i rischi sui social network.

Il Controllo Genitori – Parental Control è una funzionalità molto importante oggi giorno dato che mamma e papà lottano ogni giorno per mantenere i loro figli al sicuro da internet

Se più di 40 anni fa Freddie Mercury cantava a squarciagola Questa è la vita vera? O è solo fantasia?, oggi i genitori devono affrontare la dura realtà: i loro figli stanno crescendo in un mondo in cui la realtà è anche in formato virtuale.

Tutt’altra cosa rispetto ai nostri tempi. Stiamo crescendo una nuova generazione di nativi digitali che non avranno mai conosciuto il mondo senza uno smartphone. A noi di Kaspersky Lab interessa sapere l’opinione della gente: vogliamo sapere cosa ne pensa di questi cambiamenti, di questa “iper-connettività” e del modo in cui viene usata la tecnologia.

Di recente abbiamo condotto una ricerca dal nome Growing Up Online. Nella prima fase dello studio, abbiamo parlato di cosa nascondono i bambini ai loro genitori. Oggi vedremo in che misura i nostri figli usino Internet e i dispositivi digitali. Quando ho ricevuto per la prima volta la mia copia dei dati, ho tirato un profondo respiro di sollievo e ho riflettuto attentamente sui miei figli e su quanto utilizzino Internet.

Le principali scoperte emerse nell’indagine offrono degli interessanti spunti di riflessione. I dati sono così sorprendenti che i genitori li rileggeranno più volte.

  • Il 44% dei ragazzi d’età compresa tra gli 8 e i 16 anni è costantemente connesso a Internet;
  • Il 73% dei ragazzi tra i 14 e i 16 anni non riesce a immaginare la vita senza smartphone;
  • 1 ragazzo su 3 ha mentito sull’età;
  • Il 40% rivela informazioni delicate su sé stesso e/o la famiglia

C’è da preoccuparsi, giusto?

Internet indispensabile

Forse il dato meno scioccante della relazione è che il 44% dei bambini ammette di essere perennemente online. Sebbene la cifra possa sembrare inferiore a quel che si pensa, analizzando a fondo i dati, scopriamo che gli Stati Uniti e la Russia sono molto più connesse, con una percentuale di persone online pari all’83% e all’88% rispettivamente.

Nonostante il tasso di alta connettività, la maggior parte dei genitori dà il telefono ai loro figli per essere sempre in contatto in caso di necessità o di un incidente (56%).

Un’altra cosa che i genitori dovrebbero tenere a mente è che il 31% dei bambini intervistati ammette di aver eseguito una transazione economica su Internet e vorrebbe farlo di nuovo. Questa percentuale include gli acquisti in-app.

Che fanno su Internet?

Sebbene ci verrebbe da pensare che passino il loro tempo principalmente su Snapchat, Tumblr o Facebook, la ricerca ha mostrato che i social network occupano solo il 3º e 4º posto tra i ragazzi e le ragazze intervistate.

Per cui, cosa diavolo combinano i ragazzi su Internet?

In cima alla lista ci sono i giochi online per i ragazzi (54%), e guardare film per quanto riguarda le ragazze (41%).

bambini internet

Appendice extra

Alzi la mano chi va a letto con lo smartphone. Siate onesti!

Adesso alzi la mano chi si aspetta che il figlio si comporti diversamente: smettetela di mentire a voi stessi.

L’allarmante tendenza degli adulti di andare a letto con i telefoni è stata trasmessa ai loro figli. Mentre soltanto meno della metà degli intervistati ha detto di portarsi il telefono a letto, la percentuale balza al 64% tra i teenager (14-16 anni).

Purtroppo, la dipendenza dal telefono non è legata direttamente all’ora del sonno. Il 40% dei genitori intervistati afferma che i loro figli stanno attaccati al telefono durante i pasti, mentre il 53% sta appiccicato al dispositivo durante le riunioni familiari e con gli amici.

Condividere molte cose su Internet? Io no di sicuro!

Con tutta questa connettività, magari potreste pensare che i bambini siano consapevoli di quello che stanno condividendo con le app e/o i social network. Come menzionato nella relazione, il 40% delle persone intervistate ammette di condividere dati sensibili pubblicamente.

Forse vi fa ridere tutto questo e penserete che i bambini hanno bisogno d’imparare, ma dovete considerare che il 57% degli esaminati usa il suo vero nome, il 47% l’età vera e il 40% condivide la scuola frequentata.

Ai criminali bastano poche informazioni per poter copiare l’identità di un bambino, o organizzare un piano per perseguitare un bambino.

Se a questo aggiungiamo che il 14% condivide il luogo in cui vive e l’11% rivela quanto guadagnino i genitori, ecco pronto un disastro che può avere gravi conseguenze reali anche per la famiglia. Abbiamo ancora davanti a noi un arduo cammino prima di arrivare ad una forte consapevolezza sulla privacy.

Cosa sta in agguato

In generale solo 6 bambini su 10 si preoccupano del cyberbullismo, e solo un 4% si accorge di esserne stato vittima. Sebbene si percepisca il cyberbullismo come un problema lontano, è una minaccia ben più reale e diffusa di quanto si pensi. Degli intervistati, il 20% conosce qualcuno che è stato vittima di cyberbullismo e il 7% afferma di avervi preso parte.

Nello studio, i genitori dei bambini vittima del cyberbullismo raccontano la loro storia e ne emergono dati prevedibili. Il 72% ha affermato che l’esperienza è stata assolutamente terribile: il 41% ha accusato angoscia, il 37% ha notato una diminuzione dell’autostima e il 30% ha assistito a un calo nel rendimento scolastico.

Cosa possono fare i genitori

Non esiste un libretto d’istruzioni per crescere i vostri figli nell’odierno mondo di Internet. La tecnologia muta così rapidamente che è difficile prevedere i cambiamenti ogni mese, figurarsi per i 5 anni a venire. Forse la cosa migliore che possiamo fare come genitori è coltivare relazioni aperte e oneste con i nostri figli e assicurarci che si sentano a loro agio parlando con noi di qualsiasi argomento. È necessario, inoltre, insegnare loro cosa è giusto e cosa è sbagliato, proprio come hanno fatto i nostri genitori con noi, ma con l’ulteriore responsabilità di un elemento virtuale che loro non hanno mai dovuto affrontare.

Controllo Genitori: funzionalità poco convenzionali ma utili

Il Controllo Genitori – Parental Control è una funzionalità molto importante oggi giorno dato che mamma e papà lottano ogni giorno per mantenere i loro figli al sicuro, assicurandosi che accedano solo a contenuti appropriati, mantenendo al tempo stesso i loro dispositivi puliti e funzionali. Ci sono un sacco di applicazioni e funzionalità che offrono la possibilità di impostare restrizioni, ma ci sono anche alcune forme non convenzionali per restringere l’accesso ai contenuti online e proteggere i tuo computer e i loro utenti, sia che si tratti di giovani che dei più anziani.

  • Restringere l’accesso ad Internet agli utenti, in particolare ai teenager, non significa solo limitare il contenuto, ma bisogna considerare anche i dati. Gli utenti con una connessione Internet a consumo o con restrizione di dati sul proprio dispositivo mobile dovrebbero fare molta attenzione a chi usa i loro computer e come. Per prevenire il download non autorizzato di grandi quantità di dati, che potrebbero gonfiare la vostra fattura mensile o rallentare il funzionamento del servizio, è bene considerare l’idea di restringere e bloccare l’accesso a quei siti che abilitano lo scaricamento massivo di musica e video.
  • Le funzionalità di Controllo Genitori non si occupano unicamente di restringere l’accesso a certi contenuti, ma sono in grado di limitare il tempo che i bambini trascorrono online e/o con il loro dispositivo. Amazon non è l’unico ad averci pensato, ma il suo nuovo Kindle Fire HD ne è dotato. Si chiama FreeTime ed è una app che permette ai genitori di impostare il tempo che i ragazzi possono trascorrere online in base al contenuto che visitano, modificare le preferenze e impostare la navigazione in base all’utente, come nel caso di un bambino.
  • I moduli di Controllo Genitori non si rivolgono unicamente ai bambini. L’elevato numero di programmi disponibili nel sistema operativo possono talvolta confondere gli utenti più anziani o inesperti; impostando un Controllo che limiti i programmi a cui hanno accesso può facilitare loro l’uso del dispositivo e fare in modo che non vengano confusi da una app che viene lanciata inavvertitamente.
  • Certamente, puoi ridurre il numero dei programmi nel computer utilizzato dai più anziani, ma non puoi evitare che vadano in rete – ed è in questo momento quando si verificano i problemi più grandi. Tuttavia, le funzionalità di Controllo di oggi possono metterli in guardia dai siti pericolosi che li spingono a scaricare programmi non desiderati, lanciare software di sistema che non possono far altro che confonderli. Utilizzando il Modulo Anti-spam e il Controllo URL di Kaspersky Internet Security 2017 puoi eliminare inutili pop-up che non farebbero altro che confondere gli utenti meno esperti con contenuti potenzialmente dannosi.
  • Tuttavia il modo più sicuro per proteggere il tuo sistema e gestire il modo in cui gli utenti usano il sistema operativo e i dispositivi è stabilire con attenzione i parametri e monitorare il sistema operativo e i profili del browser – proteggendo il tuo sistema con una soluzione di sicurezza robusta.

Il consiglio: Kaspersky Internet Security 2017

  • Ti protegge da virus, attacchi, frodi, spie e altro ancora
  • Ti aiuta a proteggere PC e Mac, oltre a tablet e telefoni Android
  • Protegge la tua privacy e blocca phishing, monitoraggio e spionaggio
  • Aggiunge un ulteriore livello di sicurezza per shopping e banking online
  • Semplifica la protezione dei bambini: funzione Parental Control su PC e Mac
  • Permette ai dispositivi di mantenere le prestazioni per cui sono stati progettati
  • Semplifica la tua sicurezza, grazie a semplici controlli online

 

Valutazione Media
Last Reviewer
Reviewed Item
Come proteggere i nostri bambini da internet
Rating
51star1star1star1star1star
Rocco Balzamà

Rocco Balzamà

Admin & CEO Rocco Balzamà Studio & Agency at ErreBi Group S.r.l.
Blogger | Developer | Graphic & Web Designer | Consulente d'Immagine | Social Media Marketing Manager | Copywriter | SEO Specialist | Digital Influencer