Rischi e consigli per i pagamenti "Contactless" - Rocco Balzamà | Comunicazione & Cybersecurity | Ethical & Growth Hacker | Graphics and Web Designer - Marketing e Data Protection Management
Mostra tutti

Rischi e consigli per i pagamenti “Contactless”

Rischi e consigli per i pagamenti con Carta “Contactless”

La tecnologia “contactless” sta diventando sempre più comune come mezzo per effettuare pagamenti o inviare informazioni. Il processo, reso possibile grazie ad uno sviluppo tecnologico noto come Near Field Communication, funziona tramite un chip wireless sul quale sono memorizzati i dettagli della carta di pagamento dell’utente, chip che può essere presente sia in un telefono cellulare che in una carta di credito o bancomat. Tale tecnologia consente agli utenti di poter effettuare pagamenti fino ad un massimo di 25 € presso negozi e altri punti vendita semplicemente avvicinando lo smartphone o la carta ad un apposito lettore di schede, senza dover inserire fisicamente la carta stessa o digitare il PIN.

Pur essendo un comodo sistema per effettuare i pagamenti, gli utenti che utilizzano questa tecnologia sono esposti a potenziali problemi legati alla sicurezza.

La tecnologia Contactless

Il sistema di pagamento senza contatto contactless (in inglese “senza contatto”) è un sistema che permette di effettuare acquisti tramite carte bancarie di credito o di debito, portachiavi, smart card e altri dispositivi, inclusi smartphone e altri dispositivi mobili, per mezzo delle tecnologie RFID e NFC. A differenza delle carte tradizionali, dotate di banda magnetica o microchip, non richiedono l’inserimento fisico della carta nel lettore, ma è sufficiente l’avvicinamento.

l vantaggio di questo tipo di carte è che rendono la procedura di pagamento molto più rapida, a tale scopo per pagamenti sotto un certo importo (generalmente 15-25 €) la transazione viene effettuata offline (senza digitare il pin o firmare la ricevuta) e tutto avviene in pochi istanti.

Un altro importante aspetto è che queste carte hanno posto le basi per applicazioni Near Field Communication (NFC). Infatti, associando una carta bancaria senza contatto a un telefono o a un qualsiasi altro dispositivo (ad esempio un tablet e uno smartphone) abilitato a NFC (ovvero con un sistema di lettura e scrittura RFID incorporato), è possibile effettuare transazioni di moneta elettronica o accedere a servizi.

I RISCHI legati ai pagamenti con tecnologia CONTACTLESS

  • Pagare inconsapevolmente l’acquisto effettuato da un altro utente a causa della troppa vicinanza dello smartphone o della carta al lettore di schede;
  • Possibilità che il segnale wireless della carta o dello smartphone venga intercettato e le informazioni “finanziarie” rubate.

La diffusione della tecnologia CONTACTLESS in Italia

Inizialmente la zona d’Italia più vivace è stata la Provincia di Milano, scelta come località di prova per la maggiore concentrazione di carte di credito in Italia. Il progetto prevedeva l’implementazione di postazioni POS presso i commercianti, al fine di diffondere il più possibile i punti di accettazione delle carte senza contatto. Inoltre, importanti istituti di credito regionali e nazionali stanno diffondendo presso la propria clientela le nuove carte, sia per le nuove emissioni sia per le sostituzioni. Forse, dal punto di vista normativo, un impulso è stato dato dalla digitalizzazione dei pagamenti introdotta dal Decreto Salva Italia.

La maggiore difficoltà di diffusione potrebbe trovarsi nel difficile approccio sia da parte del cliente che da parte del commerciante nell’accettazione delle carte di credito o mezzi elettronici per piccoli importi. Un’altra valida soluzione, finora disattesa dai maggiori operatori commerciali del settore delle carte di credito, potrebbe essere la costituzione di un logo unico che richiami la clientela alla presenza nel punto vendita di un POS dotato di funzioni di pagamento senza contatto. Spesso gli apparati presenti nei punti vendita sono occultati o poco visibili al punto che i clienti non sono in grado di chiedere di pagare in modalità elettronica.

Dal 1º gennaio 2016 le macchine distributrici di biglietti di Trenitalia accettano le carte senza contatto e si può pagare senza l’inserimento del PIN per importi fino a 25 €.

LE CARTE CONTACTLESS – CONSIGLI

  • Se si utilizza uno smartphone dotato di NFC, assicurati che sia sempre bloccato, quando non in uso, tramite un PIN, che è necessario cambiare regolarmente;
  • Presta particolare attenzione a non perdere o danneggiare lo smartphone/carta perché, in effetti, è un altro portafoglio;
  • Proteggi le tue carte di pagamento contactless custodendole in particolari custodie in modo che non possano essere intercettati i dati trasmessi;
  • Assicurati di leggere attentamente i termini e le condizioni della tua banca o del circuito che rilascia la carta di credito in relazione alla responsabilità in caso di pagamento errato o violazione della sicurezza;
  • Controlla frequentemente i tuoi movimenti bancari e della tua carta di credito.

 

Rocco Balzamà

Rocco Balzamà

Admin & CEO Rocco Balzamà Studio & Agency at Rocco Balzama Digital Agency
Ethical & Growth Hacker | CEH | OSCP | Information Security Senior Manager | Data Governance & Privacy Solutions | Marketing Manager | Cyber Coaching | Penetration Tester... Tutto ebbe inizio nell'estate del 1983, quando le mie mani toccarono per la prima volta una tastiera... ancora oggi, con lo stesso entusiasmo che avevo da bambino aiuto le aziende a proteggersi ed evolversi nel mondo digitale.
Rocco Balzamà