Mostra tutti

Deindicizzazione Motori di ricerca – Diritto all’oblio

299,00599,00

Deindicizzazione Motori di ricerca – Diritto all’oblio.

Il servizio prevede il disbrigo di tutta le pratiche e la documentazione per la cancellazione definitiva sui motori di ricerca ed esercitare il diritto all’oblio.

Istanza di cancellazione dati personali, ai sensi dell’art. 17 del REG. UE 27.04.2016, n. 679/2016 e successive modificazioni

 

*Non si garantisce la celerità ed il buon fine delle operazioni di delisting.

 

Svuota
Descrizione

Deindicizzazione Motori di ricerca – Diritto all’oblio – Delisting URL

Con la locuzione “diritto all’oblio” si intende, in diritto, una particolare forma di garanzia che prevede la non diffondibilità, senza particolari motivi, di precedenti pregiudizievoli dell’onore di una persona, per tali intendendosi principalmente i precedenti giudiziari di una persona. In base a questo principio non è legittimo, ad esempio, diffondere informazioni a proposito di condanne ricevute o comunque altri dati sensibili di analogo argomento, salvo che si tratti di casi particolari ricollegabili a fatti di cronaca ed anche in tali casi la pubblicità del fatto deve essere proporzionata all’importanza dell’evento ed al tempo trascorso dall’accaduto.

Il Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR), in vigore da Maggio 2018, regola il diritto all’oblio, agli articoli 17, 21 e 22.

Il diritto di opposizione dell’interessato pone fine al trattamento per motivi di marketing diretto (art. 21, par. 2). È derogabile se il trattamento ha fini di ricerca scientifica o storica o a fini statistici, e ciò avviene per l’esecuzione di un compito di interesse pubblico (art. 21, par. 6).
La richiesta dell’interessato deve essere legittimamente motivata (art. 17) e il titolare può comunque riprendere il trattamento se dimostra motivi legittimi cogenti e prevalenti sui diritti e le libertà dell’opponente, inclusa quella di azione in giudizio (art. 21).

Qualora l’interessato abbia prestato il consenso al trattamento dei dati (art.9, par.2, a) oppure il trattamento sia necessario per motivi di interesse pubblico (art. 9, par.2, g), il diritto all’oblio dell’interessato è posto entro i limiti dell’art. 22.
Per le categorie particolari di dati personali (elencate all’art. 9 par.1) di cui è vietato il trattamento, trova applicazione l’art. 22 par. 2: nel caso in cui la decisione del titolare basata unicamente sul trattamento automatizzato sia necessaria per la conclusione o l’esecuzione di un contratto tra l’interessato e un titolare del trattamento, o sia autorizzata dal diritto dell’Unione e dello Stato membro, l’interessato “ha almeno” il diritto di ottenere l’intervento umano da parte del titolare del trattamento, di esprimere la propria opinione e di contestare la decisione (art. 22, par. 1 e applicazione del par. 3)

Come diritto collegabile alla cancellazione permanente dei dati, l’art. 16 afferma che l’interessato ha diritto ad ottenere l’integrazione e la rettifica dei propri dati personali. Il testo non rimvia esplicitamente ad eccezioni, casi particolari o limitazioni ulteriori di quest’ultimo diritto.

Il diritto all’oblio nel Web

Il diritto ad essere dimenticati online consiste nella cancellazione dagli archivi online, anche a distanza di anni, di tutto il materiale che può risultare sconveniente e dannoso per soggetti che sono stati protagonisti in passato di fatti di cronaca. Vivace è anche il dibattito su questo tema nel web.

Valutazione Media
Last Reviewer
Reviewed Item
Consulenza in Sicurezza informatica - Cybersecurity consulting
Rating
51star1star1star1star1star
Informazioni aggiuntive
Rimozione URL

Fino a 10 URL, Fino a 20 URL, Fino a 30 URL, Fino a 50 URL